Arriva un ennesimo, grandissimo risultato per il ‘Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo’ in occasione dei Campionati Europei under 20 e under 17 che sono in corso di svolgimento a Plovdiv, Bulgaria.
Dopo aver mancato per un soffio la medaglia nella competizione individuale riservata agli spadisti under 20, Cosimo Martini riesce ad agguantare insieme ai suoi compagni di squadra un fantastico secondo posto che fa ben sperare in vista degli imminenti Campionati del Mondo giovani. Per Cosimo, da sempre allievo del Maestro Enrico Di Ciolo, questa è la prima medaglia europea conquistata nelle file della Nazionale italiana.
La squadra italiana della spada under 20 (composta, oltre che da Martini, anche dal napoletano Valerio Cuomo, l’emiliano Federico Vismara ed il romagnolo Alessio Preziosi) ha subito cominciato la propria giornata di gara nel migliore dei modi con una netta vittoria ai danni della Gran Bretagna: 45-34 il punteggio al termine dell’incontro. Nei quarti di finale i portacolori italiani invece se la sono dovuta vedere con la temibile Repubblica Ceca e sono riusciti a prevalere con un netto 45-31. Ottima anche la vittoria contro l’Ungheria per 44-39 che ha decretato l’accesso della nostra Nazionale alla finalissima contro la Francia. Proprio contro la Francia Martini, Vismara, Preziosi e Cuomo si sono piegati per sole tre stoccate e si sono così dovuti accontetare di una medaglia d’argento che fa comunque sognare il futuro della spada italiana.
Il Presidente e Maestro Enrico Di Ciolo ha voluto commentare con le seguenti parole il risultato del proprio allievo: ” Sono veramente molto molto felice per questo secondo posto di Cosimo, arrivata dopo anni di duro lavoro quotidiano in palestra. So che Cosimo ci teneva tantissimo a tornare a casa con una medaglia al collo e il fatto che ci sia riuscito mi riempie di gioia. Questo argento ha dunque il valore di un oro e mette in luce quanto di buono sia stato fatto negli ultimi anni per dare una continuità agli attuali risultati della spada italiana. Al momento non mi resta che complimentarmi ulteriormente con il mio allievo per il risultato ottenuto ed aspettarlo in palestra per continuare il lavoro che stiamo portando avanti, nella speranza che la strada da percorrere sia ancora lunga e possa portare molto lontano”.

 , , , ,